Seleziona una pagina

I controller per computer, da utilizzare come delle e proprie console per dj, hanno avuto negli ultimi dieci/quindici anni uno sviluppo molto forte che le ha portate ad essere uno strumento comune, nelle loro varie forme, nei set up di tutti i dj del mondo. Le fasce di mercato e di prezzo sono al giorno d’oggi molto varie, e c’è un forte fermento ed una forte competizione. Hercules da sempre è un punto di riferimento per le console di fascia medio-bassa, e i prodotti che propone si sono evoluti nel tempo fino a diventare dei veri e propri strumenti adatti sia al divertimento casalingo che alle feste, e la Hercules control air s non fa eccezione, e si promette di soddisfare tutti i clienti che si affacciano per la prima volta al mondo del djing e vogliono divertirsi, oltre che imparare le basi del mixing.

La console

La console di cui parliamo in questa recensione è uscita in due versioni, la Air S e la Air S+, e sono pensate per i dj alle prime armi o per chi pratica già da qualche tempo e vuole cambiare controller per divertirsi con le numerose funzione che questa console offre. Le due versioni si differenziano dal fatto che la Air S+ è più grande, ha le Jog Wheel un po’ più ampie, una presa per il microfono e una presa usb standard al posto del cavo incorporato della versione Air S. Entrambe hanno la presa per le cuffie, 8 Pad e il sensore infrarosso per utilizzare la funzione Air di cui parleremo di seguito nell’ articolo. Hercules dichiara che i controller sono pensati per due tipologie di utenti differenti, la prima, la Air S, per i Dj principianti e la seconda, la Air S+, per gli utenti più avanzati.

hercules air s

Il Software Djuced in dotazione

Iniziamo a parlare del software, ovvero Djuced in dotazione con il prodotto. Ci sono delle buone somiglianze con Virtual Dj anche se nell’uso ci rende subito conto di utilizzare un prodotto diverso, per certi aspetti più grezzo e che forse può apparire un po’ scomodo a chi è abituato ad utilizzare altri programmi come Serato o Traktor. Bisogna dire però che un nuovo utente, che non ha dimestichezza con nessun software per Dj, dopo un primo veloce periodo di apprendimento delle funzioni basilare del programma, riesce a fare tutto quello che serve per iniziare con il Djing. Se teniamo conto che con un prezzo così basso, oltre al controller, troviamo questo software dotato di effetti e addirittura un mini sequencer per comporre dei beat utilizzando i suoni compresi nel pacchetto, ci rendiamo conto che l’offerta è più che buona e appetibile. I controlli principali comunque sono gli stessi di tutti gli altri programmi per dj, come per esempio caricare e suonare la traccia, oppure il sync, i cue, il play. Tutti comandi azionabili tramite il controller.

Le Jog Wheel

Le Jog Wheel sono piuttosto grandi, soprattutto quelle montate sulla versione Air S+, e danno una piacevole sensazione al tatto. Stiamo comunque parlando di un prodotto realizzato con materiali non di pregio e che ha un aspetto molto leggero. I passi in avanti fatti negli anni però si fanno sentire e oggi questi controller Hercules riescono a restituire delle piacevoli sensazioni al tocco, sia nelle Jog Wheel che nei vari pulsanti della console. Le levette per il pitch e per il cross fader risultano essere piuttosto piccole, ma la cosa è anche prevedibile date le dimensioni ridotte del prodotto in questione. Forse non sarà poi così facile mettere a tempo in maniera manuale due brani utilizzando i controlli, ma con un po’ di pratica tutto può riuscire, e ricordo comunque che con il tasto sync questo problema, soprattutto per i principianti, viene risolto molto velocemente. Il mercato di riferimento per questo prodotto è naturalmente il mercato consumer, ma per questa fascia di prezzo, sia i materiali che il feeling che riesce a restituire, sono davvero sorprendenti.

I pad

Gli otto pad presenti sopra le Jog Wheel, presentano per il dj un’ottima opportunità per iniziare ad esprimere la propria creatività entrando attivamente all’ interno delle tracce che sta mixando. I pad, sensibili al tocco, controllano infatti il loop, il campionatore e gli effetti. Caricando dei suoni, già presenti nel boundle del prodotto, si possono suonare tramite i pad che rispondono in maniera progressiva al tocco, dando espressività alla performance. Un altro utilizzo per i quattro pad posti sopra la Jog  è quello di gestire i loop, che si possono comandare così senza mai togliere l’attenzione dalla console e senza dover intervenire con il mouse o la tastiera del computer. Un modo originale di utilizzare i pad è senza dubbio quello di gestire gli effetti, non tanto per l’assegnazione ai pulsanti, ma più che altro per la possibilità di gestire un parametro degli effetti tramite la porta infrarossi, muovendo la mano sopra la consolle. Questo possibilità di modulare il suono è quella che ha dato il nome Air a questo controller. Assegnando un effetto ai Pad, si può controllare un parametro tramite la pressione, e l’altro avvicinando e allontanando la mano dal sensore infrarosso. Inutile dire che, soprattutto per un dj agli inizi, questo aspetto può essere molto divertente e può contribuire a rendere ancora più “magico” il lavoro del Dj.

hercules air s

Effetti

Il banco degli effetti è abbastanza completo, e ci si possono trovare quasi tutti quelli che si trovano nei normali software, anche quelli professionali utilizzati in console dai Dj di tutto il mondo. Parlo dell’echo, il reverbero, il flanger, il chorus. Devo segnalare però che manca il filtro, uno degli effetti più popolari che sarebbe stato bello vedere anche in questa Hercules Air S.

Conclusioni

Per concludere si può tranquillamente dire che questo è un prodotto più che azzeccato, sia per quel che riguarda il prezzo con cui è messo in commercio, sia per quanto riguarda il divertimento che sa offrire. Cosa chiedere di più da un controller di fascia bassa adatto a chi inizia? Quello che io cerco spesso, sia in questa fascia di mercato che in quelle più alte, è un prodotto che mi sappia stupire. Se nelle console da discoteca questo può voler dire qualità sonora, effetti sempre più ottimizzati e sensibilità di utilizzo raffinata anno dopo anno, nei prodotti di fascia bassa mi aspetto sempre la facilità di utilizzo è un occhio di riguardo al divertimento del Dj alle prime armi. Ecco, che acquista questo prodotto sa che può andare sul sicuro: può iniziare a mixare, a divertirsi e a imparare a fare il Dj, con un controller che non delude né nell’ aspetto estetico né in quello funzionale.